MUGELLO & DINTORNI

Firenzuola

Firenzuola è uno dei comuni più grandi della cosiddetta Romagna toscana. Il territorio comunale si estende su tutta la valle creata dai fiumi Santerno e Diaterna, fino a qualche km dopo la loro confluenza e dalle montagne che circondano la valle, arrivando fino al versante nord dei passi della Raticosa, del Giogo, Della Futa e del Muraglione.
Il paese fu creato da Firenze come bastione difensivo e di controllo sulla via che collegava Firenze a Bologna. La planimetria della città risente di tale fondazione. Gli ingegneri e gli architetti della repubblica fiorentina crearono una “città nuova” in una “terra nuova”, di pianta molto simile alle città romane, con un cardo in direzione Giogo-Futa ed un decumano in direzione Firenze-Bologna. Sulla piazza, tipicamente medioevale, si affaccia il palazzo del municipio, un tempo castello in stile rinascimentale; distrutto dalla guerra e ricostruito nelle sue forme, ora ospita il museo della pietra serena.

 

Il Mugello

Il mugello è il territorio che corrisponde all’alta valle del Sieve e del Santerno.
Comprende quindi il territorio che dal passo della Futa arriva fino al lago artificiale di Bilancino e al territorio di Barberino, più la “romagna Toscana” comprendente il territorio del comune di Firenzuola.
Il paesaggio del Mugello è caratterizzato da un’ampia cintura di monti e colline che digradano fino all’area pianeggiante adiacente il corso del fiume Sieve. È quest’ultima un’area molto antropizzata, ma sono numerosi e sparsi su tutto il territorio i centri abitati minori e i cascinali isolati.
Per la fauna, frequenti sono gli avvistamenti di daini, caprioli, cinghiali e mufloni, ma anche di lupi così come dell’aquila che è tornata a volteggiare sopra la Valle dell’Inferno (nel territorio di Firenzuola) e la Valle del Rovigo (nell’area demaniale protetta Giogo-Casaglia).
Dagli anni novanta del XX secolo è diventato un tratto caratteristico del paesaggio mugellano il Lago di Bilancino, un invaso artificiale creato con lo scopo primario di regolare le portate della Sieve e garantire l’approvvigionamento idrico all’area fiorentina, ma sfruttato anche per fini turistici.
Il Mugello comprende quattro complessi forestali facenti parte del Patrimonio Agricolo-Forestale della Regione Toscana: il Giogo-Casaglia, la Calvana, l’ Alto Senio e l‘Alpe, la cui amministrazione è demandata all’ Unione Montana dei Comuni del Mugello.

La Vallata del Santerno

Il paesaggio della Vallata de Santerno è un insieme di luoghi dinnanzi ai quali stupirsi: il suo fiume, i suoi boschi di faggi e di castagni così ricchi di vita selvatica, i suoi rii e le sue emergenze gessose luminescenti e spettacolari.

L’alta valle Tra Tirli e Castiglioncello, lungo il perscorso sui due lati del fiume, è un susseguirsi di grandi castagneti, balze rocciose e boscaglie.

La Vallata è tutto questo: il Santerno, la Vena dei Gessi, i castelli ed i frutti della terra. 

Cimitero militare germanico

Il cimitero militare germanico Della Futa si trova nel comune di Firenzuola (in provincia di Firenze, a metà strada tra Firenze e Bologna) sulla dorsale appenninica tosco-romagnola, importante via di comunicazione e teatro, durante l’ultimo conflitto mondiale, di feroci scontri.
Il cimitero sorge a quota 950 m. sulla cima di un rilievo montuoso dell’Appennino Tosco-Romagnolo nelle immediate vicinanze del passo della Futa.
La strada che costeggia il cimitero segue l’andamento delle vallate e dei crinali adagiandosi alla dorsale appenninica nel valico naturale della Futa. Percorrendo questa arteria in direzione nord si scorge l’ingresso del cimitero sormontato dal maestoso muro triangolare in pietra grigia posto alla sommità del poggio che si eleva sopra i terrazzamenti a gradonate dei sepolcri, immerso tra la vegetazione circostante caratteristica dei paesaggi di alta quota costituita prevalentemente di boschi di conifere, abeti bianchi e rossi e di latifoglie, faggi e aceri montani.

Firenze

Firenze è la città culla e simbolo del Rinascimento.
Con i suoi musei, palazzi e chiese ospita alcuni dei più importanti tesori artistici del mondo.
Tra i luoghi d’ arte e di culto più conosciuti della città vi sono senz’ altro la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero, la Galleria degli Uffizi, il Bargello e la Galleria dell’ Accademia.
Le chiese di Santa Maria Novella e Santa Croce poi sono delle vere e proprie gallerie d’ arte, così come la Biblioteca Medicea Laurenziana è un’ eccezionale espressione del genio architettonico di Michelangelo. Importanti e caratteristiche le  collezioni conservate a Palazzo Pitti.

Quando vi sentirete stanchi di vedere musei e gallerie d’arte, recatevi all’ aperto e scoprirete che a Firenze è bello anche solo passeggiare per le belle strade del centro storico. Camminate fino a raggiungere l’ Arno, soffermatevi sul romantico Ponte Vecchio e continuate fino all’ Oltrarno, la parte più “nuova” di Firenze. Trascorrete una giornata ai giardini di Boboli oppure salite sopra la collina alle spalle di piazzale Michelangelo e raggiungete la Chiesa di San Miniato al Monte per godere di un’ incredibile vista su Firenze.
Firenze ed i suoi tesori unici vi stanno aspettando!

Bologna

Accogliente, affascinante, ricca di arte e cultura, vivace e a misura d’uomo: sono solo alcune delle caratteristiche di Bologna, capoluogo dai mille volti dell’Emilia Romagna.
Pur conservando l’aspetto di un antico borgo del passato, Bologna è anche una delle città italiane più moderne ed avanzate, diventata simbolo dell’integrazione culturale e della qualità dei servizi.
Per questi motivi è una delle mete preferite da turisti, studenti fuori sede e da tutti coloro che cercano nuove opportunità professionali.

 

per info:

 

tel: +39.055.8109009

+39.339.8127890

email: info@trekkingmugello.com

Call Now ButtonCHIAMA ORA!